L’albicocca di Rotondella, tesoro della terra

Una risorsa principale del territorio è rappresentata dall’agricoltura. In particolare, eccellenza di Rotondella è senza dubbio l’albicocca. Grazie alle favorevoli condizioni climatiche e alla fertilità della piana di Trisaia (dove è attestato il maggior numero di coltivazioni) tale produzione ha registrato negli ultimi decenni una grossa crescita, rendendo l’albicocca di Rotondella apprezzata dai mercati nazionali ma anche internazionali. Le sue particolari caratteristiche pomologiche, unite all’introduzione di nuove cultivar che hanno ampliato i tempi di maturazione e aumentato le varietà tipologiche, hanno permesso di destinarla sia ad un consumo fresco che all’agroindustria. Proprio l’interesse del settore industriale (si ricordi dal 1987/88 l’arrivo della “Plasmon”) è stato di stimolo all’incremento e modernizzazione della produzione di albicocche, favorendo nuovi investimenti e la nascita di cooperative agricole.

Oggi l’albicocca di Rotondella è diventata un prodotto identitario per tutta la comunità. Questo grazie anche agli interventi di valorizzazione promossi dalle amministrazioni locali nel corso degli anni: su tutti la realizzazione di una sagra annuale che, oltre ad essere vetrina promozionale con degustazione ed eventi culturali, costituisce un importante momento di discussione sulle prospettive future di tale produzione.

Cliccando qui info sulla produzione, le varietà, le qualità, i percorsi di promozione dell’albicocca di Rotondella.

Condividi questo contenuto su