“Il rutunnaro speciale”: Carmela Suriano e le sue grandi intuizioni imprenditoriali

L’IMPRENDITRICE DEL CLUB CANDONGA. DALLA TERRA UN MODELLO INTERNAZIONALE: CARMELA SURIANO

Dalle radici della terra a una dimensione internazionale

È la parabola di Carmela Suriano, imprenditrice lucana di origini rotondellesi, che ha fatto della nostra terra e dei suoi frutti il trampolino di lancio per un’importante storia imprenditoriale.

Direttrice di Planitalia, è lei la “regina” del brand “Candonga”, che ha reso noto in tutto il mondo uno dei prodotti più importanti della nostra terra, la fragola. “Oro rosso”, come veniva chiamato negli anni ’80, in contrapposizione con l’altro oro che la Basilicata nello stesso tempo scopriva, quello nero del petrolio.

Nel 2013, su impulso della Suriano, nasce il Club Candonga

Rossini Candonga

Un consorzio volto alla valorizzazione e promozione della varietà Sabrosa, coltivata da un gruppo di produttori lucani secondo un rigido disciplinare di produzione. Il marchio registrato con cui è commercializzata la cultivar del club è Candonga Fragola Top Quality.

L’obiettivo del Club è di valorizzare la produzione di qualità attraverso strategie di marketing e comunicazione con una struttura orizzontale dove progetti, obiettivi e valori sono condivisi da tutti i soci.

Il Club investe una superficie di cultivar Sabrosa di circa 400 ettari, oltre la metà degli ettari coltivati in Basilicata.

Pur avendo raggiunto un rilievo imprenditoriale internazionale, Carmela conserva sempre grande umiltà e legame con le origini. Durante la serata per i 500 anni, il 25 agosto scorso, è intervenuta con parole significative e ha offerto ai presenti, per l’occasione, il “Rossini Candonga”, il nuovo aperitivo creato dalla Casa Vinicola Canella sull’esperienza di 30 anni di produzione del famoso Bellini in bottiglia: le migliori fragole della Basilicata incontrano lo spumante Brut del veneto nel “Rossini Candonga”.

E’ solo l’ultima delle sue tanti intuizioni imprenditoriali.

Condividi questo contenuto su

Autore dell'articolo: Pino Suriano