Bimbi in sicurezza: giornata di formazione a Rotondella

L’INIZIATIVA SI E’ TENUTA IL 14 DICEMBRE CON L’INSEGNAMENTO DI PRATICHE DI DISOSTRUZIONE E DEFIBRILLATORI CON ESPERTI DEL SOCCORSO 

Utile giornata di formazione sulla sicurezza divisa in due momenti: mattinata per i bambini, pomeriggio per gli adulti. Il Comune di Rotondella, in collaborazione con la Farmacia Pellicano di Rotondella (Mt), la Protezione Civile Nazionale e la Protezione Civile Gruppo Lucano, ha promosso venerdì 14 dicembre  la Prima giornata dell’iniziativa “Bimbi in sicurezza: impariamo insieme la catena della sopravvivenza”. L’incontro si è svolto a Palazzo Ricciardulli alle ore 10:00, con l’intervento del sindaco Vito Agresti, del dirigente scolastico I.C. “I. Morra” Maria Carmela Stigliano, il consigliere comunale con delega al sociale Vincenzo Rubolino e le istruttrici nazionali BLSD-PBLSD RE-HEART A. De Biasi e T. Parchitelli. A seguire, alle ore 15:00, si è svolto il corso per operatore BLSD-PBLSD (si tratta di esperti per il supporto alla defibrillazione e altre forme di soccorso). Le associazioni e i singoli cittadini hanno potuto fruire di questi ultimi momenti formativi.

Per l’occasione i bambini hanno potuto apprendere e anche sperimentare per gruppi le manovre di disostruzione, competenze che in alcuni casi possono davvero salvar

Consigliere Vincenzo Rubolino

e una vita. Differente e più complesso il piano formativo per gli adulti: più di venti persone tra membri della ProtezioneCivile del Comune, personale scolastico, rappresentanti di associazioni e semplici cittadini sono stati interessati alle pratiche di sicurezza. A questi ultimi è stato rilasciato un attestato di formazione.

“La giornata di formazione ha avuto grande concretezza in virtù della recente installazione di nuovi defibrillatori sul nostro territorio- ha dichiarato il consigliere delegato al Sociale Vincenzo Rubolino – un ringraziamento va all’Istituto Comprensivo, nella persona della Dirigente Stigliano,  che da subito ha colto l’importanza della tematica per gli studenti e ha favorito questa utile opportunità”.

Condividi questo contenuto su

Autore dell'articolo: Pino Suriano